“STANDARD VERSIONS” Next show is coming! A special project with @mattiabarbieripainter September 26th MARS Milan Stay tuned

09/09/2018 - “STANDARD VERSIONS” Next show is coming! A special project with @mattiabarbieripainter
September 26th MARS Milan Stay tuned!📐🎨🎯🇮🇹 #universaltwinkle #monicamazzone #mattiabarbieri #geometry #painting #sculpture #aluminum

View in Instagram ⇒

Almost ready… a new diptych is coming out! Next Friday, Saturday and Sunday @narsfoundation join us for the and

06/06/2018 - Almost ready… a new diptych is coming out!
Next Friday, Saturday and Sunday @narsfoundation join us for the #groupshow and #openstudios!
#monicamazzone #oilpainting #geometry #universaltwinkle #italianartist #newyork #brooklyn #artistinresidence

View in Instagram ⇒

DARSI

DARSI – Group Show

curated by Bustos Domenech

April 9 – May 30 2018

Palazzo Lombardia, Milan

 

(Italian Version)

Mostra internazionale d’arte contemporanea, spaziante dalla pittura, al disegno, alla scultura, alla fotografia. Il Darsi è una qualità saliente dell’arte che abbraccia lo stato immaginale degli artisti che hanno aderito a questa mostra. Il dare come dono, l’artista e la sua arte danno e si danno. Dare sé, se stessi agli altri. Il darsi come atto propositivo, di scambio, di stima, di conoscenza.

È uno scambio biunivoco, perché anche colui /ei che riceve, si situa in una forma transitiva di scambio e di dono. Prestare ascolto, porgersi, mostrare attenzione agli altri, all’altra/o, denota prossimità, essere vicini a. Ci si connette in un intreccio morbido, donando e aprendosi à-rebours in spazi interstiziali dove tutto torna e dove tutto acquista nuovo senso, come una partita a ping-pong giocata su un campo mica troppo esiziale se non quello del nostro destino. La materia si districa e si avviluppa nei luoghi che ciascun artista ha eletto a propria compagine, sia essa in quella sciolta sui diagrammi che il pittore elegge e traccia a propria dimora, sia in quella non troppo velata che compone forme tattili depositandosi nei luoghi, sia ancora in quella mediata-data dall’occhio meccanico, o ancora in quella che nel desiderio rinviene e anela a porzioni mitiche di realtà agognate e trasognate che l’artista pone tra sé e il mondo. Piccoli gesti piccole essenze diagrammatiche di cui la rosa come scrisse Clarice Lispector ben cattura senso e disponibilità. In fondo cos’è l’arte se non questo disporsi e Darsi in totale e libera intimità tra il sé e il mondo?
Rodolfo Aricò
Mauro Barbieri
Renata Boero
Luis Buñuel
Fiorella Cicardi
Barbara Crimella
Salvador Dalì
Tomasz Domanski
Pietro Finelli
Alberto Finelli – Evyenia Gennadiou
Ernesto Jannini
Ellsworth Kelly
Serena Maisto
Paolo Manazza
Monica Mazzone
Inkyu Park
François de Ribaucourt
Marta Sforni
Tancredi
Marco Useli
Valentino Vago
Sandra Vásquez de la Horra
Mauro Vettore
Zygimantas Augustinas

Presso lo Spazio Espositivo, si svolgeranno due conversazioni sulle tematiche del Darsi e del Desiderio,  coordinate da Bustos Domenech e Ernesto Jannini.

Sono stati invitati i seguenti relatori: Erica Arosio, Paolo Bertetto, Roberto Borghi, Andrea D’Ammando, Paolo Di Paolo, Raoul Kirchmayr.

Le date previste: giovedì 10 maggio e giovedì 24 maggio alle 18:00.

Inaugurazione: 9 aprile 2018 h.18:30
Dal 10 aprile al 30 maggio 2018
Dal lunedì al venerdì dalle h.10:00 alle h.18:00 – Ingresso Libero

Palazzo Lombardia, Spazio Espositivo, via Luigi Galvani 27

Organizzazione mostra:

Associazione culturale no-profit Volcanospress Milano, piazza Wagner 1 20145 Milano

C.F. 97363670155 +3902461311  volcanospressmi@yahoo.it

Si ringrazia l’Ordine dei Cavalieri di Malta Gran Priorato d’Italia con la partecipazione della Dama Elena
Condrea e il Cavaliere Enzo Angelo Giudice.

In collaborazione con Regione Lombardia.

 

 

DAY 1…new studio, new me

02/04/2018 - DAY 1…new studio, new me! 🤟🏻💎👁
#narsresidency #monicamazzone #contemporaryartist #newyork #brooklyn #somethingaboutmywork #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Repost from @narsfoundation New York – Brooklyn

31/03/2018 - Repost from @narsfoundation thank you so much #narsresidency to share my work!#monicamazzone #contemporaryart #geometry #newyork #brooklyn #universaltwinkle #newproject is coming!
Introducing NARS Spring AIR Monica Mazzone (Italy)
@monicamazzone_artist lives and works between Milan and New York. Her artistic practice is a study into the perception and visual expression of the obsession for perfection. Her work proposes geometry as a guiding principle for the creative act.
.
.
.
.
.
#narsresidency #narsartist #artistinresidence #residency

View in Instagram ⇒

Like the Moon…New Sculpture is coming! Stay tuned

11/03/2018 - Like the Moon…New Sculpture is coming!
Stay tuned!
#monicamazzone #sculpture #aluminum #geometry #newwork #contemporaryart #italianartist #circle #likethemoon #newexhibition #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

opening exhibition @riss(e)

28/01/2018 - Tonight, Don’t miss out the opening! ⚡️📐🎨📏⚡️#ZZ exhibition @riss(e) #varese #monicamazzone #opening #artexhibition #newwork #aluminum #sculpture #oilpainting #sitespecific #geometry #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

ZZ

ZZ Solo Show in collaboration with Aldo Mozzini

curated by Ermanno Cristini with critic text by Rossella Moratto

January 28 – March 4 2018

Riss(e) – Zentrum, Varese

 

(Italian Version)

È la zeta che li tiene insieme. Sembrerebbe questo, a prima vista, l’unico trait d’union tra Monica Mazzone e Aldo Mozzini, artisti di sesso e generazioni diverse che procedono in direzioni apparentemente ostinate e contrarie. Invitati a tradimento da Ermanno Cristini a riss(e)  e costretti a convivere in una stanza tutta per loro, sembrano voler esprimere forze centripete che spingono verso direzioni divergenti: verticalità e solidità contro orizzontalità e morbidezza, levigatezza e geometria contro scabrosità e spontaneità, ordine e proporzione contro disordine e sproporzione. 

Il dialogo formalmente impossibile tra Mazzone e Mozzini è pero tutt’altro che un discorso chiuso: è invece una partita aperta in cui, sebbene tesi e antitesi non trovino né tentino una sintesi, le opere si nutrono della reciproca diversità raggiungendo un inaspettato quanto bizzarro equilibrio. Gli opposti non solo si attraggono, ma finiscono per compensarsi. L’apparente paradosso in realtà nasconde un comune sottotesto: il lavoro sulla specificità del contesto, in quanto spazio architettonico ed espostivo per Mazzone e in quanto identità, storia e vissuto per Mozzini.

Monica Mazzone parte dalla realtà concreta dello spazio per arrivare a definire la forma delle sue sculture grazie a un metodo logico-matematico che si sviluppa su presupposti teorici e parametri oggettivi, anche se arbitrariamente scelti, che determinano un risultato incontrovertibile. Questa razionalità deriva dalla tensione verso la perfezione che l’artista individua nella logica rigorosa del processo. La forma e le dimensioni delle piramidi tronche ottagonali è la diretta conseguenza dalla complessa elaborazione grafica della proiezione della planimetria che, privilegiando l’andamento dell’asse diagonale – la zeta – viene completata con degli elementi triangolari – i vertici mancanti – che fanno da raccordo con le catene che scandiscono orizzontalmente e ritmicamente la sala espositiva. L’artista crea così una relazione necessaria tra l’opera e il contesto e tra scultura, pittura e architettura: il procedimento è riportato pittoricamente in un dittico, eseguito con una tecnica raffinatissima per sovrapposizioni di velature, che è quasi una dichiarazione tautologica ma allo stesso tempo apre, grazie al colore, uno spiraglio alla dimensione dell’emotività che è sempre sottintesa nel suo lavoro e bilancia la freddezza post-minimalista delle sculture.

Questa emotività latente avvicina Mazzone alla sensibilità di Mozzini e, in particolare, a questi lavori, intrisi di umanità. Anche l’artista svizzero ha lavorato in stretta relazione al contesto, inteso non come spazio fisico ma come luogo di la foto di ZENTRUM è di Patrizia Giambi narrazioni e di memorie. L’uso di materiali di scarto e di riciclo, ricorrente nella sua pratica, è finalizzato al racconto poetico del percorso artistico di Ermanno Cristini, che dirige lo spazio e lo ha abitato per diversi anni, utilizzandolo anche come studio. Prendendo a prestito alcuni suoi oggetti personali (i celeberrimi zoccoli che richiamano la serie realizzata dallo stesso Mozzini) e parti di sue opere – o citandole e ispirandosi espressamente a esse – realizza sei nuovi lavori idealmente a quattro mani che danno corpo a una relazione amicale e professionale. Collocate in ordine sparso, sono presenze morbide, destrutturate, che testimoniano il gesto che le ha modellate, quasi una carezza, e rimangono, come spesso accade nei lavori di Mozzini, come appunti lasciati in sospeso di un discorso che pone la questione della relazione tra spazio privato e pubblico e tra dimensione intima e sociale della pratica artistica.

La zeta, che ironicamente li tiene insieme, è l’ideale linea spezzata che sintetizza la complessità delle relazioni che legano le opere al contesto – che nel caso di riss(e)  è già in sé un’operazione artistica – e le molteplici possibilità di sperimentazione creativa in continuità con esso.

 

Rossella Moratto

 

 

Monica Mazzone

Nata a Milano nel 1984, vive e lavora tra Milano e New York. Fra le mostre personali: L’intenzione di una retta, Studio Maraniello, Milano, 2016; ThePerfect Universe, Merkur Gallery, Istanbul, 2014; …Per un quasi infinito, Formentini Gallery – Nuovo CIB, Milano, 2009. Nel 2012 è stata ospite dell’Intership Program presso The Peggy Guggenheim Collection di Venezia. È autrice della rubrica d’arte contemporanea Fruit Soap ed è membro attivo della redazione della rivista d’arte E IL TOPO. Numerose le partecipazioni a collettive, progetti speciali in spazi pubblici e privati in Italia e all’estero e concorsi, tra cui Premio Nazionale delle Arti, 2009; Premio Lissone, 2012;Premio Combat, 2016; Premio Cairo, 2017. Nel 2018 sarà ospite presso International Artist Residency Program at Nars Foundation – New York.

www.monicamazzone.com

 

Aldo Mozzini

Nato a Locarno nel 1956, vive e lavora a Zurigo. Fra le mostre personali: Lokal 14 Zürich, 2016; De Bernardo & Mozzini, Vebikus Kunsthalle, Schaffhausen, 2015; Vorzimmer OG 9, Zürich, 2013; Radix, Frohe Ussicht, Samstagern, 2011; Villa du Parc,Centre d’Art Contemporain, Annemasse (F), 2010. Fra le mostre collettive; La Ruche et la valise, Villa Bernasconi, Genf, 2017; JetztKunst Bern, 2017; Schena da vedro, Kunst(Zeug)Haus, Rapperswil 2017; Obsession Dada, Cabaret Voltaire, Zürich, 2016; Grosse Regionale Alte Fabrik, Rapperswil, 2016; Sviluppo-Parallelo, Kunstmuseum Luzern, 2015; Impression 2015, Kunsthaus Grenchen, 2015. Ha vinto numerose borse, residenze e premi tra cui Anerkennungsbeitrag UBS Kulturstiftung, 2014; Swiss Art Award, 2012; Atelier in Bucharest, Pro Helvetia, 2010; è professore alla alla Zürcher Hochschule der Künste, Zürich

www.mozzini.ch

www.risseart.jimdo.com

I am very glad to announce I will be part of the 2018 International Artist Residency Program @narsfoundation – New York

08/01/2018 - Let’s start something new!
I am very glad to announce I will be part of the 2018 International Artist Residency Program @narsfoundation – New York!
⚡️🔝⚡️🎨📐🗽 #monicamazzone #contemporaryart #italianartist #newyork #narsresidency #newproject #artresidency #aroundtheworld #somethingaboutme #somethingaboutmywork #research #neverstop #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Back in New York…inside the studio! Studying the power of the Essential Constituents La Nona Diagonale (The Ninth Diagonal), 2017, oil on wood, 28 x 26 cm

14/12/2017 - Back in New York…inside the studio!
Studying the power of the Essential Constituents

La Nona Diagonale (The Ninth Diagonal), 2017, oil on wood, 28 x 26 cm #monicamazzone #contemporaryartist #portfolio #contemporaryart #oilpainting #oilonwood #geometry #purpleandgreen #newseries #somethingaboutme #whennumbersareyourobsession #newwork #newyork #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Studying the power of the Essential Constituents La Nona Diagonale (The Ninth Diagonal), 2017, oil on wood, 28 x 26 cm

24/11/2017 - Studying the power of the Essential Constituents

La Nona Diagonale (The Ninth Diagonal), 2017, oil on wood, 28 x 26 cm #monicamazzone #contemporaryartist #portfolio #contemporaryart #oilpainting #oilonwood #geometry #purpleandgreen #newseries #somethingaboutme #whennumbersareyourobsession #newwork #newyork #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

first studio visit in my new studio @New York City

14/11/2017 - Ready for the first #studiovisit in this new space!!📐🎨👊🏻✏️🎯
#monicamazzone #italianartist #newyork #newyorkcity #oilpainting #newwork #newseries #portfolio #purpleandgreen #somethingaboutme #contemporaryart #contemporaryartist #geometry #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Last call to visit Premio Cairo exhibition @palazzorealemilano

31/10/2017 - Last call to visit #premiocairo #premiocairo2017 exhibition @palazzorealemilano, check out also the #catalogue where find my work with a special critic text of #StefanoCastelli. Until November 01 – #milano .

#monicamazzone #geometry #oilpainting #oilonwood #aluminum #sculpture #contemporaryart #purpleandgreen #artprize #finalist #installation #italianartist #youcancrossthesculpture #universaltwinkle 📐🎨👁⚡️🔮📏🔘

View in Instagram ⇒

Fino al 1 Novembre @palazzorealemilano @premiocairo COMPOSIZIONE PER MOVIMENTO UNICO, 2017

30/10/2017 - Fino al 1 Novembre @palazzorealemilano @premiocairo #monicamazzone COMPOSIZIONE PER MOVIMENTO UNICO, 2017. Non perdetevi la mostra!
.
.
.

Until November 01 at wonderful #palazzoreale #milano my work with #premiocairo #premiocairo2017. don’t miss out the exhibition! #artprize #contemporaryart #oilpainting #aluminum #cairoeditore #instaart #artecairoeditore #igersmilano #italianartist #installation #purpleandgreen #geometry #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

In accumulo o in sospeso ma in equilibrio #2

In accumulo o in sospeso ma in equilibrio #2 – Group Show

curated by Rossella Moratto

October 8 – November 12 2017

Bandera  Art Foundation, Busto Arsizio

 

(Italian Version)

In occasione della tredicesima edizione della Giornata del Contemporaneo e nell’ambito del recente progetto Smelting Works, ideato da Cristina Moregola per la Fondazione Bandera con l’intento di creare processi capaci di attivare occasioni di dialogo fra i linguaggi dell’arte contemporanea mettendo a confronto artisti emergenti delle ultime generazioni, si inserisce  la mostra In accumulo o in sospeso ma in equilibrio # 2 a cura di Rossella Moratto.

Storia di un incontro tra sette artisti – Giuseppe Buffoli, Francesco D’Angelo, Joykix (Fabrizio Longo), Monica Mazzone, Gianluca Quaglia, Eva Reguzzoni, Massimiliano Viel – la mostra si sviluppa come un dialogo sul terreno della pratica operativa in un contesto di negoziazione non convenzionale.

Lo spazio del confronto è l’opera-struttura di Joykix, un sistema modulare pensato per adattarsi a diverse situazioni e luoghi e per ospitare i lavori di altri artisti che con la loro presenza ne condizionano la configurazione in una dinamica di limitazioni e libertà reciproche.

Il progetto nato in occasione di Studi Festival (Milano, 2017), è una collettiva atipica in cui mostra e opera coincidono in un dispositivo in cui si svolge la narrazione dei sette autori articolata su molteplici livelli, come interazione fisica e mentale con la struttura data che diventa allo stesso tempo ambito familiare e corpo estraneo, luogo da abitare e spazio da conquistare. L’incontro non è determinato da temi o suggestioni a priori ma dalla concreta ricerca di una convivenza che si attua nel processo partecipativo della costruzione del lavoro.

L’opera-display di Joykix e il suo approccio, progettuale e costruttivo, si confronta con quello più intimo, viscerale e autoanalitico di Eva Reguzzoni, con quello estroverso, relazionale e inclusivo di Gianluca Quaglia, e convive con la razionalità geometrica ma carica di emotività controllata di Monica Mazzone e con l’ironica dialettica di Giuseppe Buffoli tra instabilità ed equilibrio e la riflessione di Francesco D’Angelo sulla relazione tra spazio reale e ideale, dinamiche che rieccheggiano nelle  sonorità di Massimliano Viel.

Un terreno di confronto libero che segue le logiche dell’accumulo, dell’essere sospesi e della ricerca ideale ma non prescrittiva di un possibile equilibrio.

 

Catalogo della mostra

 

In accumulo o in sospeso ma in equilibrio # 2

Giuseppe Buffoli, Francesco D’Angelo, Joykix (Fabrizio Longo),

Monica Mazzone, Gianluca Quaglia, Eva Reguzzoni, Massimiliano Viel

 

9 ottobre – 12 novembre 2017

A cura di Rossella Moratto

Inaugurazione

Domenica 8 ottobre  2017 ore 18.00

Orari

Da giovedì a domenica 16.00 – 19.00

Fondazione Bandera per l’ Arte

Via Andrea Costa 29 – Busto Arsizio (Va)

 

 

906090 exhibition view @galleria_giuseppepero in Milan until November 10th

29/09/2017 - 906090 exhibition view @galleria_giuseppepero in Milan until November 10th #galleriagiuseppepero #newexhibition #monicamazzone #oilpainting #wallsculpture #aluminum #contemporaryart #newwork #geometry #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

906090

906090 – Group show

curated by Nicoletta Castellaneta and Giuseppe Pero

September 21 – November 10 2017

Giuseppe Pero Gallery, Milan

(Italian Version)

90-60-90 sono le misure “ideali” di una donna icona che non sembra più rientrare negli “ideali “della nostra contemporaneità, misure di un “prototipo” femminile identificato in una proporzione numerica capace però tutt’ora di colpire l’immaginario. Non che le tre artiste proposte nel progetto rientrino in questo canone ormai chiaramente superato ma delle loro ricerche fanno parte lo studio delle proporzioni, l’indagine sui calcoli matematici e il rigore che disciplina la forma attraverso il processo creativo.

Le ricerche di queste tre artiste, tutte nate negli anni 80, hanno alla base delle loro opere il rigore come approccio metodologico che regolamenta la forma; nella ricerca di Monica Mazzone che pone la geometria come principio regolatore dell’atto creativo, le forme nascono infatti dal tentativo di dare una ragione all’impossibilità di esprimere la perfezione.  Viviana Valla affronta invece la stratificazione di colori e materiali in una composizione rigorosa che attinge al sentimento della composizione attraverso una dinamica intellettuale e rimanda ad un “silenzio delle forme”, per Victoria Stoian il dinamismo della composizione è al centro dell’opera e il ruolo del colore assume una dimensione centrale, come se le campiture cromatiche fossero in lotta tra loro ma l’artista le avesse bloccate in un deciso punto di equilibrio. Per ognuna di queste artiste si può dire che il compito dell’intelligenza è dunque la ricerca di qualcosa ( l’Arte ) che varia senza varietà e che l’anima desidera senza poter dire perché la desideri.

Nella Galleria Giuseppe Pero le ricerche di queste tre giovani artiste trovano uno spazio “privato” in cui ognuna propone un’opera “compiuta” che ambisce a contenere i criteri del processo creativo e uno spazio “condiviso” dove i linguaggi trovano un momento di dialogo e confronto più estetico.

 

906090

Monica Mazzone Victoria Stoian Viviana Valla

Opening 21 settembre 2017 ore 18.30

Dal 22 settembre al 10 novembre 2017

 

Galleria Giuseppe Pero

Via Porro Lambertenghi 3, Milano

Orari di apertura Lun- Ven 14.30-19.00

sabato e mattine su appuntamento

Tel +39 02.66823916

www.giuseppepero.it

 

Monica Mazzone

(Milano 1984) vive e lavora tra Milano e New York.

Consegue il diploma di laurea di primo e secondo livello in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e una seconda laurea all’Istituto Europeo del Design.

La sua ricerca è un’indagine riguardo l’idea di poter percepire e tradurre visivamente l’ossessione per la perfezione riferendosi a concetti matematici.

Fra le mostre personali si ricordano “L’intenzione di una retta” presso lo Studio Maraniello a cura di Rossella Moratto, 2016; “The Perfect Universe” presso la Merkur Gallery di Istanbul, 2014; “…Per un quasi infinito” alla Galleria Formentini – Nuovo CIB di Milano, 2009.

Numerose le partecipazioni a collettive, progetti speciali e concorsi esponendo in spazi pubblici e privati, in Italia e all’estero. Nel 2012 è ospite dell’Internship Program presso The Peggy Guggenheim Collection di Venezia e successivamente finalista del Premio Lissone.

Durante l’Expo 2015 collabora ed espone in un ciclo di mostre allestite nella Sala delle Colonne della Fabbrica del Vapore di Milano. Monica inoltre scrive la rubrica d’arte contemporanea “Fruit Soap”, ha al suo attivo progetti curatoriali ed è membro attivo della redazione della rivista d’arte “E IL TOPO”,

Nel 2017 è invitata a partecipare al XVIII Premio Cairo che vedrà la mostra finale allestita presso la prestigiosa sede di Palazzo Reale a Milano.

 

Victoria Stoian

(Chisina, Moldavia 1987 ) vive e lavora a Torino

Inizia a frequentare le scuole d’arte dall’ età di 10 anni: si diploma e approfondisce il suo percorso dal 2004 al 2008 presso il Collegio d’Arte Plastiche Alexandru Plamadeala di Chisinau seguendo, dopo un anno l’Accademia di Musica, Teatro e Arte Plastiche (A.M.T.A.P.) di Chisinau.

Si trasferisce in Italia, dove vive tutt’ora e dal 2009-2015 consegna il diploma triennale e specialistica frequentando il corso di Pittura presso l’Accademia Albertina Delle Belle Arti di Torino con la Tesi finale in Storia dell’Arte “La collezione Vogel”.

La sua ricerca artistica parte dalla propria identità culturale, geografica, sociale e politica; utilizzando una particolare e profonda attenzione allo studio del colore e delle forme.

Nel 2015 inaugura la sua prima mostra personale intitolata “Codri Earthquake” nella Galleria d’Arte Contemporanea Alberto Peola di Torino, seguita dalla mostra collettiva “Capricci del destino” presso la Galleria Giuseppe Pero di Milano, la doppia personale “Rallenting. Codri Earthquake” e “Outer Space” di Michael Najjar presso Studio la Città di Verona.

 

Viviana Valla

(Voghera, 1986), vive e lavora tra Milano e Casteggio. Dopo essersi formata in Pittura all’Accademia di Brera a Milano, si specializza in Comunicazione e Organizzazione per l’arte Contemporanea. Dal 2007 partecipa a diversi eventi organizzati da: Arianna Baldoni, Ivan Quaroni. Nel 2010 espone al Palazzo della Permanente di Milano in occasione del Salon Primo ed è tra i vincitori del premio Assogestioni (Palazzo Mezzanotte). Nel 2011 partecipa alla mostra dei finalisti del Premio Nazionale delle Arti, tenutasi nello spazio espositivo di San Carpoforo. La sua prima mostra personale si è tenuta alla Galleria Monopoli di Milano nel maggio 2012. Nel 2013 è tra i finalisti del Premio AOP Academy. Nel 2014 viene nominata “ambassador” da Shiluette e partecipa alla mostra collettiva organizzata dall’azienda per il suo cinquantenario tenutesi durante il “Fuori salone”, nel dicembre dello stesso anno alla Fondazione per l’arte contemporanea- Rivoli2 di Milano, si è tenuta la sua seconda mostra personale dal titolo Beyond the White (Spaces). Le sue ultime mostre personali, sono Sight Unseen, a cura di Ivan Quaroni, presso lo spazio Marilyng in Piazza Gae Aulenti, tramite la Galleria “ABC arte” di Genova e Inside and Outside the Wall alla galleria Nicola Pedana Arte Contemporanea.

Almost ready for the next exhibition! See you @galleria_giuseppepero 21st September is coming

14/09/2017 - Almost ready for the next exhibition!
See you @galleria_giuseppepero 21st September is coming!
#monicamazzone #newwork #oilpainting #contemporaryart #geometry #italianartist #milano #whennumbersareyourobsession #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Corriere della Sera – finalists of Premio Cairo 2017 – a picture of my last solo show “L’intenzione di una retta” and something about my research

12/09/2017 - Corriere della Sera – finalists of Premio Cairo 2017 – a picture of my last solo show “L’intenzione di una retta” and something about my research
#corrieredellasera #monicamazzone #premiocairo #premiocairo2017 #finalist #artprize #contemporaryart #myartwork #somethingaboutme #geometry #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

August Issue of “Arte” with a presentation of my work

03/08/2017 - August Issue of “Arte” with a presentation of my work

#premiocairo2017 #premiocairo #monicamazzone #contemporaryart #artprize #somethingaboutme #geometry #article #arte #instaarte #instaartist #milano #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

August Issue of Arte with the shortlist of the Art Prize @premiocairo #2017

31/07/2017 - #repost @premiocairo #premiocairo #2017 #monicamazzone #artprize #finalist #selectedartist #contemporaryart #thatisme #universaltwinkle . . .

Sul numero di agosto di Arte i primi dieci artisti finalisti del Premio Cairo (gli altri dieci sul numero di settembre) #premiocairo2017 #arte #creatività #instaarte #instaartist #igersarte #milano

View in Instagram ⇒

When NUMBERS are your obsession… Zeroundici, ink on aluminum, 2017

24/07/2017 - When NUMBERS are your obsession… Zeroundici, ink on aluminum, 2017

#aluminum #drawing #monicamazzone #portfolio #contemporaryart #geometry #itisanobsession #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

XVIII PREMIO CAIRO

I am very glad to announce my participation at  XVIII PREMIO CAIRO!

See you in October at Palazzo Reale in Milan.

Important Update very soon! New series is coming out…stay tuned

27/06/2017 - Important Update very soon!
New series is coming out…stay tuned!
#monicamazzone #contemporaryart #italianartist #newproject #geometry #scultpure #painting #upcoming #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

New work @villacontemporanea Monza | Estetica Matematica exhibition | Piano unico, 2017, olio su tavola e alluminio, 107 x 92 x 3 cm

20/05/2017 - New work @villacontemporanea Monza | Estetica Matematica exhibition | Piano unico, 2017, olio su tavola e alluminio, 107 x 92 x 3 cm #monicamazzone #esteticamatematica #geometry #aluminum #sculpture #oilpainting #contemporaryart #portfolio #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Estetica Matematica

Estetica Matematica – Group show

curated by Leda Lunghi

May 20 – July 1 2017

Villa Contemporanea, Monza

Villa Contemporanea is pleased to present Estetica Matematica/Mathematical Aesthetics, a collective show of the artists Elisa Cella, Elisa Leonini, Monica Mazzone and David Reimondo curated by Leda Lunghi.

As the title suggests, the show focuses on the extraordinary link between art and mathematics; the relationship between these two so apparently disciplines lies in the search for a consequential equilibrium and compositional harmony obtained through the gaze. Despite differences in style, the artists on display share an artistic practice based on the use of harmonic sequences.

The show’s curator Leda Lunghi writes: “Mathematics may be complex as a field of knowledge, but the human soul is even more so, and soul is what we need if mathematics must be examined in every aspect. Delving into the show, analyzing the artists’ differences and convergences, we see just how many visions this science affords, a science no longer considered arid and constraining but shown here in its most eclectic and harmonic form. Through the artists on display – David Reimondo, Monica Mazzone, Elisa Cella, and Elisa Leonini – mathematics becomes sound, color, and infinite. Harmony and curiosity are mathematics’ bedfellows, and when numbers entwine with art, the result can only be soothing, graceful, and musical.”

David Reimondo invents an empirical language based on chromatics and sound, an idea of “cultural de-training” as defined by the artist himself, in which color is word and becomes a “chromophonetic” language. Starting with the primary colors, he assigns the syllable LA to the color red, ID to yellow, and EN to blue. Putting the three syllables together, he makes the names of the secondary and tertiary colors. He deconstructs and reconstructs a new sound code in an attempt to imagine a virgin, primordial linguistic system. His soundscape continuously emits a murmur of apparently indecipherable sounds, demonstrating how variations in color engender phonemes and words and create a synaesthetic language. In this visual alphabet unrestrained by implications or rules, the artist reveals the essence of the mathematical algorithm and code.

In the poetics of Monica Mazzone, intrigued by Euclidian doctrine and obsessed by the idea of perfection, color becomes the expression of mathematics and emotions. Geometry is perceived as the regulatory principle of the creative act. The artist develops a site-specific orthogonal projection by imagining the gallery as a numerical and mental space to be reached through equations she formulates herself. Beginning with a two-dimensional drawing, Mazzone investigates the principle of three-dimensionality: the result is a flat geometric form, the modular trapezium.

The work of Elisa Cella also appears to be in the sway of science that duplicates living material by starting from a single cell. Trained as a mathematician, as an artist she brings biology into her personal, circular pictorial style that becomes three-dimensional and installation-oriented here. Even more than in the canvases, the tangle of circles, now transformed into cylinders, carries us into the mystery of life expressed in the form of sculpture.

Elisa Leonini, an artist who has dedicated years to giving sound three-dimensional form, offers common ground to the three artists above, translating equilibrium into audible vibrations. After enlarging the black and white flicker of a cathode ray tube TV with no signal, she isolates the modules of the three primary colors red, green, and blue (RGB) known as the phosphors that create the image. The video played at the show is both a representation of the electromagnetic wave that appears in the absence of signal and an investigation into color, given that what we observe as being in color from close up is actually in black and white when we step back. Another work on display gives sculptural form to the acoustic waves generated by the artist’s enunciation of the word “Silence”.

Leda Lunghi writes: “With the show’s works before us, we may safely conclude that mathematics can

be deemed a science both rational and irrational at the same time because it is incapable of imposing limits on ingenuity, and for such reason embraces anything that brings it vivacity, light, music. The show unmasks its ambiguity, revealing how imagination, art, color, and music may possess an intrinsic and double valence in which logic, rhythm, and calculation can all be observed nudging reason in the direction of the sweet flight of fantasy we call irrationality.”

Curating and critical text by Leda Lunghi.

Elisa Cella, born in Genova in 1974, lives and works in Monza, studied Mathematics at Milano State University. Her personal shows include: “Sensazione Concava”, Galleria E3 Arte Contemporanea, Brescia, 2015; “Elisa Cella – TransumArte” Castello Fieschi-Doria-Malaspina, Santo Stefano d’Aveto (GE), curated by Gabriele Perretta, 2015; “Cerchio – per un’estetica dell’infinito”, bi-personal show with Silvia Serenari, Fuel Art Gallery, Livorno, curated by Alessandro Trabucco, 2013; “Tracciati”, Castello Chiaramontano, Racalmuto (Ag), curated by Dario Orphé, 2013. Her collective shows include: “Analitica 70 e nuove prospettive”, Galleria E3 Arte Contemporanea, Brescia, 2017; “Unconventional Views”, M.AR.CO., Monza Arte Contemporanea, Monza, 2016; “La bellezza resta.”, Binario 7, Monza (MB), curated by Simona Bartolena and Armando Fettolini, 2016; “Lavatoys – Arte in un antico lavatoio genovese”, Genova, curated by Angelo Pretolani, 2016; “XXIII Epicento Artists Exhibition”, Museo Epicentro, Gala di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), curated by Nino Abbate, 2016; “Freezer – TransumArte”, Castello Fieschi-Doria-Malaspina, Santo Stefano d’Aveto (GE), text and poetry by Ivan Fassio, 2016; “CAZZIEFIGHE”, spazio Laltalena, Milano, curated by Massimo Kaufmann and Ivano Sossella, 2016; “Innaturalismi”, MUST, Vimercate, curated by Simona Bartolena, 2016; “NutriMenti”, Palazzo D’Aquino, Taranto, curated by Sara Liuzzi, 2016.

Elisa Leonini, born in Ferrara in 1980, where she currently lives and works. Her personal shows include: “Landtrack”, curated by Alberto Zanchetta, Galleria Villa Contemporanea, Monza, 2016; “DEFLAGRACIÓN Un dialogo con Picasso e Gaudì”, curated by Maria Livia Brunelli, MLB home gallery, Ferrara, 2015; “Note musicali e note olfattive”, curated by UDI Comacchio, Palazzo Bellini, Comacchio (Fe), 2014; “Rhodon rheo”, curated by Maria Livia Brunelli Home Gallery, Bologna International Music Museum, Bologna, 2013. Her collective shows include: “Premio SmARTup Optima”, 2014, Napoli, 2014; “Fidenza1979”, Regional Contemporary Art Show, curated by Emanuele Baistrocchi, Jamais Vu Cultural Association, Palazzo delle Orsoline, Fidenza, 2014; “La forza e la passione”, 2014 Opera Prize, curated by Daniele Casadio, CGIL Ravenna, 2014; “Vedute, vedere e sentire”, at the Marche Centro Arte, Contemporary Art Expo, curated by M.Letizia Paiato, Palariviera, San Benedetto Del Tronto (AP), 2014; “E quindi uscimmo a rivedere le stelle. Il viaggio”, San Fedele Visual Arts Prize, Galleria San Fedele, Milano, 2012; “E quindi uscimmo a rivedere le stelle. Dove sono?”, San Fedele Visual Arts Prize, Galleria San Fedele, Milano, 2011. Awards and Nominations: 2015 Ora Prize Winner; Finalist at 2014 Optima SmARTup Prize, Napoli; 2014 Ora Prize Finalist, Ravenna; 2012 San Fedele Visual Arts Prize Finalist, Milano; 2011 San Fedele Visual Arts Prize Third-place winner, Milano.

Monica Mazzone, born in Milano in 1984, lives and works between Milano and New York. Her personal shows include: “L’intenzione di una retta”, Studio Maraniello, Milano, curated by Rossella Moratto, 2016; “The Perfect Universe”, Merkur Gallery, Istanbul, curated by Sabiha Kurtulmus, 2014; “Per un quasi infinito”, Formentini Gallery – Nuovo CIB -, Milano, curated by Diego Esposito and Matteo Fontana, 2009. Her collective shows include: “Studio Freud| Studi Festival#3”, B&G Studio, Milan, curated by Fabio Carnaghi, 2017; “Rosso Freddo| Studi Festival#3”, via Piranesi 25, Milano, curated by Monica Mazzone and Mattia Barbieri, 2017; “No Place3, Suzzara Prize Gallery”, Suzzara, curated by Umberto Cavenago and Ermanno Cristini, 2016; “Palomar”, Dimora Artica, Milano, curated by Patrizia Emma Scialpi, 2016; “Soprasotto”, Ex Bottegone Supermarket, Sesto Calende, curated by Ermanno Cristini and Luca Scarabelli. Testo di Rossella Moratto, 2016; “Empatema” | Studi Festival #2, Studio AlbertoAperto, Milano, curated by Alberto Mugnaini, Corrado Levi, Yari Miele, 2016; “Oblequeness”| Studi Festival#2, via Piranesi 25, Milano, curated by Monica Mazzone and Mattia Barbieri, 2016; “No Place2”, Castello di Fombio, Fombio, curated by Umberto Cavenago and Ermanno Cristini, 2016; “Vasi Comunicanti”, MIDeC (International Museum of Ceramic Design), Laveno, curated by Lorenza Boisi, 2015; “Trailer”, Fabbrica del Vapore, Milano, curated by Città Ideale, 2015; “Les Sublimes”, Arthur Cravan Foundation, Milano, curated by Cose Cosmiche (Helga Franza and Silvia Hell), 2015.

David Reimondo, born in Genova in 1972, lives and works in Milano. His personal shows include: “Cromofonetica”, Galleria Bianconi, Milano, 2016: “David Reimondo”, Di Meo Gallery, Paris, 2010; “PA”, Gian Enzo Sperone Gallery, Sent , Switzerland, 2009; “Bodyweb”, Albemarle Gallery, London, UK, 2008; “Bodyspace”, Ermanno Tedeschi Gallery, Torino, 2007; “Bodybread”, Fabbrica Eos, Milano, 2007; “Bodybread”, Sausage Factory, London, UK, 2005. Awards: 2013 Terna 05 Prize Winner, Rome. His collective shows include: “Partiture Visive”, Galleria Bianconi, Milano, 2017; “Lo Sguardo di… , Works for the Unicredit Art Collection”, Unicredit Pavilion, Milano, 2015; “Tracks/Tracce” , The Open Box, Milano, 2015; “Piero Manzoni Reenacted”, Piero Manzoni Foundation, Expo Gate, Milano, 2014; “Mappamundi”, Musée Hotel des Arts, Toulon, France, 2013; “Un mondo nuovo”, Unicredit Tower, Milano, 2012; “People and the City”, Znaki Czasu Center of Contemporary Art (CoCA), Torun, Poland, 2012.

 

VILLA CONTEMPORANEA

VIA BERGAMO 20 20900 MONZA MB

TEL +39 039 384963

VILLA CONTEMPORANEA

INFO@VILLACONTEMPORANEA.IT

WWW.VILLACONTEMPORANEA.IT

SOLIDI NOMINALI 011, 2017, aluminum, 147 cm diameter

20/04/2017 - SOLIDI NOMINALI 011, 2017, aluminum, 147 cm diameter #monicamazzone #artist #mylastwork #newseries #portfolio #contemporaryart #aluminum #geometry #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Rosso Freddo

Monica Mazzone curatorial project / group show

February 14 – February 26 2017

via Piranesi 25, Milan

Artists:

Davide Allieri, Mattia Barbieri, Francesco Fossati, Sophie Ko, Monica Mazzone, Danilo Vuolo

Rosso Freddo proposes an open investigation into the act of composing.

For every artist, creating by intuition or by calculation, extrapolating images from reality or imagination, the composition is the “unavoidable moment”, essential and prime.

ITA

In occasione di Studi Festival 2017, lo studio di Monica Mazzone e Mattia Barbieri ospita la mostra ROSSO FREDDO, un progetto espositivo che pone una riflessione sull’atto compositivo, indagandone, attraverso la ricerca degli artisti invitati, gli aspetti che definiscono l’identità di questa azione spesso manifesta in un tempo di confine della volontà creativa.

Espressione tratta da uno scritto di Vasilij Kandinskij, ROSSO FREDDO è, dunque, un’indagine aperta sul concetto di “composizione”.

Comporre (dal latino “cum ponere”: mettere vicino) significa, appunto, mettere insieme due o più forme oppure due o più colori coordinandoli; stabilendo, cioè, tra loro dei rapporti biunivoci e interdisciplinari allo stesso tempo, con un’alternanza di sensazioni quali equilibrio-sbilanciamento / dimostrazione-incompiutezza.

Per ogni artista, agisca egli per istinto oppure per calcolo, che ricavi le immagini dalla realtà o dal mondo della fantasia, la composizione è il “momento inevitabile”, essenziale e primario.

 

Monica Mazzone, Solidi Nominali 011, 2017, alluminio, diametro 151 cm

Le Immagini-Oggetto di Monica Mazzone, così l’artista definisce i propri lavori, sottolineano il superamento dell’idea di bidimensionalità e tridimensionalità, in una continuità di senso fra disegno-scultura-pittura. L’intenzione di “aggiunge alle forme minime una carica emotiva controllata” rende empirico il processo geometrico che produce un’immagine visiva rigorosa con un impulso sentimentale. Nello specifico, Solidi Nominali 011 rappresenta l’impossibilità fattiva di costruire un endecagono regolare pur attenendosi alla costruzione tecnica perfetta del poligono inscritto in un cerchio, descrivendo una dimensione ipotetica ma plausibile, mentale e reale allo stesso tempo.

Davide Allieri, Installazione, 2015, legno, vernice, vetro, 200 x 100 x 90 cm

Il lavoro di Davide Allieri si muove tra la scultura e l’installazione cercando di ribaltare la funzione che esiste tra l’opera d’arte e il suo display espositivo, in un rapporto alterato tra pieno e vuoto, tra un soggetto e il suo oggetto del desiderio, tra una forma precisa e l’eterno incompiuto, tra il classico e il frammento mancante.

Francesco Fossati, 01 (banano) / 16 (rapa rossa), 2016, ecoprint su lino, telaio in abete da aree di riforestazione,

95 x 145 cm / 85 x 135 cm

Mattia Barbieri, Umido (The Full Frontal), dittico, 2017, olio su tavola, 53 x 44,5 cm / 30 x 40 cm

Il dittico di Mattia Barbieri appare come un disegno eseguito in Photoshop. ⌘ C -⌘ V del volto nell’area a fianco. I supporti sagomati dichiarano la loro natura scultorea che, complice del gesto pittorico, simula un’ulteriore tridimensionalità illudendoci di essere di fronte ad una nicchia. Lo spazio pittorico si palesa con gli elementi e le sue ombre: uno schermo sospeso in aria ospita una scena d’altri tempi, mentre tre biglie roteanti lo sovrastano. Il dipinto è concepito come un dispositivo in cui si configurano finestre. La fotografia di un istante. Una superficie in cui tutto è pieno e frontale.

Francesco Fossati presenta due opere su tela che appartengo alla recente serie Organic Pictures.

I lavori sono ideati con il minore impatto ambientale possibile poiché interamente realizzati con materiale vegetale, in parte coltivato dall’autore. La serie analizza il rapporto tra uomo e natura dando a quest’ultima un ruolo di fondamentale importanza tanto da essere considerata coautrice delle opere.

Sophie Ko, Sommersi (e) salvati, 2017, pietra, vetro, telo termico, farfalla “Cymothoe Sangaris”, morsetto,

dimensioni variabili

Il telo termico rinvia al corpo umano, agli istanti di pericolo che attraversano la sua esistenza. La farfalla è una conferma all’irrinunciabile appartenenza dell’uomo alla terra, allo strenuo e labile radicamento di ogni sua attività alla terraferma.

Danilo Vuolo, Fuga in levare, 2017, video performance, durata 5:29 m

Fuga in levare è un gioco di sovrapposizioni e sottrazioni. In termini musicali, il tempo espresso in levare è la silenziosa durata che intercorre tra un battito e l’altro del metronomo, esso è la struttura sincopata dell’intera performance, una coreografia geometrica composta da gesti e suoni meccanici.  “Ho detto, che la camicia, non me la metto e non la metto!” è la dichiarazione di un corpo che vuole sbarazzarsi della comunicazione formale per rimanere neutro di fronte allo specchio. L’incomunicabile diniego attende d’essere espresso, nasce nelle pieghe del ritmo, posizionato e composto come solo i bravi bimbi sanno fare.

 

Studi Festival #3

FOCUS ON: 15 marzo 2017

14 – 18 marzo 2017

via Piranesi 25, Milano EST

Studio Freud

Studio Freud ⎢ Studi Festival #3 – Group show

curated by Fabio Carnaghi

March 14 – March 18 2017

Studio B&G, Milano

 

A few artists drawings’ exhibition is growing into a performance, where different artists day by day set their works up in the space. The result turns out in an art-installation in progress within a psychotherapy studio.

ITA

ARK e Studio B&G nell’ambito di Studi Festival 2017 presentano Studio Freud, un progetto dedicato al disegno in ogni sua accezione, sia esso segno grafico, gestuale, progettuale, digitale o multimediale ma anche esercizio, annotazione, divertissement. Il concept vuole inoltre sperimentare la possibilità installativa, liberata da una progettazione coordinata, mediata, irreversibile, ma intesa nel senso di composizione progressiva, generativa e attiva nel suo carattere performativo.

Lo spazio è lasciato nella funzionalità e fruizione proprie dell’attività di psicoterapia che ospita; l’interno diventa superficie totalmente espositiva, in cui ogni scelta di collocazione risulta plausibile. Il livello iniziale coinvolgerà un nucleo di artisti che predisporrà l’allestimento archetipico di una mostra.

Il flusso si aziona ed ecco che ogni immagine, ascoltando l’altra, detta un percorso espositivo in cui scelte successive e serrate provocano accostamenti, giustapposizioni e opposizioni. La mostra si apre alla partecipazione e muta la sua natura: l’invito si estende e viene condiviso ad altri artisti, che in giornate consecutive contribuiscono alla performance installativa. Le tracce grafiche via via si depositano accanto agli interventi preesistenti fino ad abitare una stanza, a rivestirla di nuova pelle, a costruire l’interno di un interno. Il dialogo subisce una sospensione e a quel punto restituisce lo spazio nel progress di un’azione che idealmente mai potrebbe dirsi conclusa.

 

Studio di  Psicoterapia B&G
Via Lario, 13/A (citofono Studio B&G)
Milano

MM3, MM5 ZARA

ARK

Cultural Property and Contemporary

info@arkmilano.com

www.arkmilano.com

New project of “Silverlight Series”. Work in progress

03/01/2017 - New project of “Silverlight Series”. Work in progress.
#monicamazzone #artiststudio #contemporaryart #aluminum #sculpture #geometry #universaltwinkle

View in Instagram ⇒

Working on my upcoming new website!

22/11/2016 - Working on my #upcoming #new #website!!!

…with #energy from #newyork
Stay in touch and keep connected!
#monicamazzone #universaltwinkle #contemporaryart #italianartist #power

(Taken with Instagram at N Y City)

View in Instagram ⇒

L’intenzione di una retta

04/10/2016 - Exhibition view Monica Mazzone Solo Show: L’intenzione di una retta

September 16 – October 4  2016

Studio Maraniello, Milan

L’intenzione di una retta

16/09/2016 - Monica Mazzone Solo Show: L’intenzione di una retta

September 16 – October 4  2016

Studio Maraniello

viale Stelvio 66, Milano

The striving for perfection may seem obsolete today, in a complex and entropic era that has buried the great ideologies under the blanket of postmodernism, leaving ample space to subjectivity and narcissism, and an expressiveness that demands a kind of freedom without constraints. However, it is a  more current issue than ever if understood as the claim of a type of creativity that is opposed to the cacophony of a fantastic proliferation, in a brave attempt to give a systematic horizon to one’s own practice, in a continuous self-reflective effort: to reduce the variety of phenomena to limited and constant elements, justified, and developed with a strict internal logic, with the intention to strive for perfection.

This is the thrust that moves Monica Mazzone’s research: the adoption of an analytical perspective that—distant relative of the Conceptualism of the 70’—declines it in the present and in the limits of a disciplinary specificity which justifies its foundation on theoretical and objective parameters, albeit arbitrarily chosen.

Mazzone takes personal issues that affect the ability of individual expression and the relationship between self and world as a point of departure. Nevertheless, she always determines some limits, restrains her radius of action and her tools. There is a clear need for “self-truth” [1] (verità di se) and also, rejecting the immediate drive-guided and self-centered expression, the need to contain and rationalize one’s own emotions to make them communicable, in the secret ambition to create a universal visual language.

However, this is not resignation of one’s subjectivity but the will to found it consciously entrenching one’s practice on concrete methodological premises. It is the choice of a disciplinary and specific commitment, based on the formalization of the process and on a deductive development, on the adoption of mathematical criteria that starting from a given hypothesis come to an unexceptionable conclusion.

«The mathematical approach in contemporary art is not mathematics itself and hardly makes use of what we know as mathematics. It is primarily a use of processes of logical thought towards the plastic of rhythms and relationships .»[2]

This sentence by Max Bill perfectly describes the intent of the artist, that is, the will to visually convey the logical relationships that underpin her work.

The initial question is “What is the smallest possible gesture to create an image?”: The analysis of the Point in Space and its development is the answer that gave rise to the series of sculptures IL MINIMO (the minimum), conceived by speculating the movement of a point on an area by improperly using a 3D software, forcing it to behave as if it was operating on a two-dimensional plane—making the Cartesian axes to match—thus generating graphics, ellipses and hyperboles from which simple geometric shapes derive, that are then multiplied and assembled.

This rationality is reflected in the harmony and balance of the work, the result of an immediately perceptible consistency.

The obvious reference to Minimalism is a present but remote suggestion in the polygonal geometry of the Image-Objects—thus Mazzone defines her works by highlighting the overcoming of the idea of sculpture and painting, and of two and three-dimensionality—and their variations, as well as in the two-dimensional works: flat colour fields­, painted without gestural traces matching the colours according to a complementary logic, which combinations evokes emotional horizons. In the use of color—although normally the artist prefers shades of gray which she considers the equivalent in colour to silence—there can be detected a polysemic parenthesis, because the complementary opposition recalls the duality present in the real, and the less frequent use of gold alludes to the pictorial tradition.

Starting from IL MINIMO, Mazzone takes a step further and presents a new series of Image-Objects that expresses the consistent evolution, focusing on the progress of a straight line, in its many representative possibilities, virtual or actual. The straight line is a drive in its becoming, the emotional component that pushes and moves the point, is the intentional motor of the Picture-Object: according Mazzone it means “to add to the minimum forms a controlled emotional charge’, making empirical the geometric process that produces a visual image with a sentimental impulse, summarized by the title “The Intention of a Straight Line”.

Explicitly referring to orthogonal or isometric projections, Manzone creates continuous forms that represent the tipping space and—by matching the two-dimensional projection with three-dimensionality—incorporate in themselves their processing power. They are transcriptions of a conceptual process that is made concrete by describing a hypothetical but plausible dimension, mental and real at the same time.

So, the identity between sculpture and space becomes apparent, and the indissoluble relationship between Image-Object and exhibition environment, as in La porzione della metà, a geometric assembly embracing the supporting column of the exhibition hall, of which it represents a possible development. Or as in Elenchi, which mirror themselves, one being the negative part of the other; or even Proiezionesemplice2, a diptych that depicts, almost tautologically, the concept that underpins the whole ensemble works.

Mazzone’s Image-Objects are the bearers of a double intention, theoretical and related to the praxis, imaginary prototypes, each of which is an attempt to arrive to a more precise balance between formal outcome and conceptual principle. Ideally these Image-Objects are part of a movement to approach perfection, they reflect a tension towards the absolute and at the same time a reflection, cool and detached, of their own relationship with the present.

Rossella Moratto

[1] «Verità di sé », Dino Formaggio,  I giorni dell’arte, p. 131. (Complete disclosure of one’s own operating structures)
[2] Max Bill, The Matematical Approach in Contemporary Art, in «Structure», serie III, n. 2, Bussum, Holland, p. 65, riportato in Filiberto Menna, La linea analitica dell’arte moderna, Einaudi, Torino, 1984, p. 73.

The Perfect Universe

15/06/2014 - Exhibition view Monica Mazzone Solo Show: The Perfect Universe

May 31 – June 21  2014

Merkur Gallery, Istanbul

 

 

THE PERFECT UNIVERSE

31/05/2014 - For the first time ever, the Merkur Gallery in Istanbul presents a project of an Italian artist with a solo show by Monica Mazzone. “The Perfect Universe” is a study into the idea of being able to perceive and express visually the obsession for perfection, unattainable by definition, in anything plausible, in a trend, in an ambition. Thus, the fascination with the universal concept of “Infinity ” is transformed into the creation of alternative parallel worlds in which one may evade.

These numeric and mental places, emotional catalysts for attention, are translated into “Image-Objects” and “Color-Images”, categories according in which the artist works not bothering to create paintings, drawings or sculptures, but using the installative setup as a visual support of the numerical supposition, the fundamental principle for each work. Monica Mazzone, in fact, applies mathematical rules to determine each point both in the artworks space and in the gallery space. The geometry is proposed as a guiding principle of the creative act that accompanies the artist’s necessity to “think in colours”. The purple and green become parts of the platonic androgyne, yin and yang, masculine and feminine, dualities for excellence. The artist herself explains that “…everything stems from the need for unconditional love, where the concepts of time and attention play a key role in the search for the perfect emotion, as if the action to make could coincide with the internalization of the sentiment”. In each Image one can feel the perception of an abstract memory, atemporal; the depictions are intended as micro narratives, tales of faraway places and at the same time, as maps that lead to an infinite world-unlimited-Iperuranio. The possibility to create a Perfect Universe.

Extradelicato 2

30/05/2014 - Extradelicato #2 – Group Exhibition

Studio Corfone

via Privata Pantelleria, Milano

Extradelicato 2, a group show featuring some of the most talented artists of the time curated by Claudio Corfone.

“All the words honestly do their job and they all have a life beyond the prejudice of their habitual use. When we stand in front of these accidents of the tongue, smiling, we are surprised that for example, such an extreme experience can merge in a collision,  the delicacy with courage.

It takes courage to laugh and to forgive.
A group show is to sneak furtively into many small individual paths, visit to glimpse glimmers of a wider path to go. To pay the works with food stamps, we reserve the right to retain a 10% more on the final price.

Start to forget the world seems to me, first of all, a great invitation to begin to look. There must be a place to which all barbarians thoughts are directed, when the gaze runs south and slips behind the horizon: go slowly so as not to disappear. “

The exhibition will display works by: Alessandro Di Pietro, Mattia Barbieri, Ornaghi & Prestinari, Luca Pozzi, Marco Andrea Magni, Silvia Mariotti, Patrizia Emma Scialpi, Claudio Corfone, Lorenzo Morri, Rebecca Moccia, Francesco Locatelli *, Jacopo Rinaldi, Francesco Fossati, Elisa Macellari, Mazzone Monica, Luca De Angelis, Gianni Di Rosa, Andrea Magaraggia, Luigi Massari, Marco Di Pietro, Marzia Corinne Rossi.

* With Cecilie Andersen Hjelvik

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close